La tovaglia elettrostatica…

Non so voi ma io lo ammetto, certe volte quando tiro fuori una cosa nuova mi balza il pensiero “speriamo non piaccia troppo alle micie”, giusto per risparmiare qualche chilometro di rotolo adesivo, sapete quelli che dovrebbero togliere gli adorati pelucchi che sanno così ben distribuire ovunque… rotoli che regolarmente non sono del tutto efficaci! Con questo GUAI A CHI ME LE TOCCA compresi tutti i loro peli… ehm cioè no, quelli che rilasciano ve li regaliamo tanto non ci servono più!
E’ da dicembre che tra me e sorella dilaga la cupcake mania (post), a lei la mania ha oltrepassato i confini del farli+mangiarli, se trova qualcosa in tema, zac me lo regala…  l’ultimo è una tovaglia che le ho ricambiato con le presine in tema, non vi dico la sua felicità… e qui chiudo la parentesi delle sorellecupstordite.
La tovaglia la doveva trovare anche particolare, di quelle moderne che se le macchi ci passi la spugnetta e via la macchia. Non è una cerata, è un tessuto lavabile… insomma un bell’acrilicone che solo a guardarlo è elettrostatico, be non so come sono le altre in commercio, questa è così!
Avete idea una cosa elettrostatica cosa fa con dei pelucchi vaganti? Se li acchiappa al volo, agguanta, appiccica così bene che Santo rotolo ha da sudare, me compresa. La macchia sarà pure facile a togliersi ma il pelucchio capperi come se lo tiene stretto… e se poi alle pelose in oggetto ci piace pure strusciarsi sopra, lei si trasforma in una moquette a pelo lungo che avercela sulla tavola non è proprio il massimo… ok un po’ sto esagerando ma sono rimasta sbalordita, direi che funziona meglio del rotolo! La teniamo lo stesso? Mmm è una decisione ardua…

Mia: evvivaaaa la tovaglia nuovaaaa, appena messa ci siamo già sopra!
Magò: ma non hai sentito che la vuole togliere? attira troppo i tuoi peli.
Mia: eh perché i tuoi non li attiva vero? Ha parlato la gatta depilata…
Magò: io mi sono educatamente appoggiata sopra, tu invece ti sei già strusciata cento volte… tra un po’ sarà pure bella stirata! Comunque devo ammettere che ti calzano a pennello le decorazioni, hai la forma di un cupcake ripieno!
Mia: guarda che bei canini che ho… ora prova a ridirlo!!

CATcake & CATcook (2)

Cakegardenproject
la vincitrice del contest di Francesco – Pandispagna!

Ciao A.micie,
rieccoci a scrivere nella nuova rubrica dedicata alla cucina. Il 18 dicembre insieme al nostro primo esperimento di cupcake vi avevamo presentato Francesco – Pandispagna [post], segnalandovi anche il suo Contest “IL MIO CUPCAKE DI NATALE”…

Entusiaste dell’iniziativa di Francesco, vi facciamo conoscere anche noi Cakegardenproject [blog], prima sul podio con il suo “Cupcake Bianco Natale”… dalla fotografia spettacolare già si può immaginare quanto siano sublimi!
Le micie mi dicono di provare a farli… ci penserò, ma opterei più per la soluzione di trovarli pronti fatti da loro, artisti del gusto 🙂

Cakegardenproject complimenti per l’idea e il premio meritato… Pensiamo che lei meriti anche il premio di Gattara, visto che al suo seguito ha una banda felina di tutto rispetto, che lei stessa ci presenta così: “Ho una comunità felina bislacca. Fino a qualche anno fa avevo sempre avuto gatti con me. Poi è mancata l’ultima micia e siccome stavo spesso in viaggio avevo deciso di non averne più. Cambiato casa e dal primo momento mi ritrovo dai cinque agli otto gatti (secondo il periodo) che mi vengono a trovare. Alcuni sono quasi stanziali, altri sono dei vicini ma preferiscono stare da me, per cui me li ritrovo dentro casa che se ne stanno come padroni. (Sto scrivendo un romanzo….) per farla breve ad oggi la comunità a cui do’ riparo e cibo è composta da Pippo (il gatto più conosciuto del quartiere) Molly (gatta enorme di un vicino sconosciuto), Bonsai (vero randagio) e la coppia di randagi DOC Biondo e Blondy (lei ormai dice di essere la mia gatta per cui sta dentro casa con me). É tutto. Ora sono cinque, ma siccome si è sparsa la voce che qui si sta bene temo che il numero cambierà… È non ne volevo più…

QUI da noi non potevamo non presentarvi anche i pelosi 😉
Ed ora eccovi il cupcake capolavoro, cliccate sulla foto per scoprire la ricetta e la creatrice!

Da Cakegardenproject:
Il mio piccolo vincitore del contest di Pandispagna:
cupcake “Bianco Natale

Da Francesco potete leggere il post dedicato alla vincitrice,
o vedere la video ricetta nel suo canale Pandispagna TV.

Buon CATcake a tutti… miaooo!

CATcake & CATcook (1)

E’ deciso! Da oggi ci sarà anche la categoria CATcake & CATcook. Sezione dedicata alle ricette e opere d’arte dei Maestri del Gusto, ma anche ai pasticci della mamy… che si impegna ma le viene meglio mangiare!

Il primo post lo dedichiamo ai CUPCAKES, quei dolcetti di cui esistono infinite versioni e ogni sorta di decorazione ad impreziosirli nell’aspetto e nel sapore per la felicità di trigliceridi e colesterolo che a braccetto lievitano solo a guardarli! Cupcakes ovvero i parenti ricchi&belli dei Muffins, tanto buoni anche loro ma come dire più rustici e svelti a farsi perché non hanno glasse, frosting, creme di burro, pasta di zucchero etc in coppa!

Ebbene alla mamy è presa la mania per questi dolcetti, scandagliando la rete ha scoperto FRANCESCO e il suo sito Pandispagna Piccoli lussi per il palato” (www.pandispagna.net), con tanto di canale con videoricette Pandispagna TV… E’ un vero artista, simpatico e disponibile ad ogni domanda… Andate a conoscerlo!

Francesco – Pandispagna.net

Entro il 24 dicembre
potete partecipare
al suo primo Contest
“IL MIO CUPCAKE DI NATALE”

cliccate sul banner per scoprire i dettagli!

Scoperto Francesco, mamy si è fissata su una sua ricetta: i Cupcake della Principessa” (qui la ricetta). Ha torturato la sorella finché non le ha trovato tutta l’attrezzatura e la scorsa domenica si sono messe all’opera a casa di nonna, la quale ha assistito attenta ai vari step – appiccia il portatile, vedi-rivedi la videoricetta, smista gli ingredienti (azz ma il panetto di marzapane non l’hanno trovato!), pesa, sbatti, frulla, inforna, cuoci (prega che lievitino e non sbordino!), sforna, decora (si fa per dire!) – ma visto il protrarsi dell’esecuzione, ha sistemato le due sue creature creative con un bel “che stuffia (che barba in piemontese!) vi siete divertite a giocare, ma quando potrò mangiarli?“. Le creature pensavano di farle piacere a passare tutte insieme due ore pomeridiane tra zucchero a velo e mascarpone in saccaposce, ma la mamma ha insegnato con poche parole che la prossima è meglio sveltirsi e arrivare prima alla metà per soddisfare la sua impaziente golosità di bimba 81enne! Sono state comunque gratificate dalla sua originale interpretazione “sembrano tante roselline“… eh siamo tutte felici!

Ecco così i PRIMI CUPCAKES DI FAMIGLIA… il risultato è lontanamente simile all’originale di Francesco (in mancanza del marzapane!), ma le creature sono già soddisfatte che hanno raggiunto un risultato piacevole al palato e soprattutto che li abbia graditi la bigmamy che se li è mangiati per tre giorni, una metà ad ogni pasto per farli durare… quindi MISSIONE COMPIUTA, GRAZIE FRANCESCO 🙂
PS: perdonate le foto pessime, concentrate a non scordar attrezzi e ingredienti, si sono dimenticate una macchina fotografica decente!

Terminiamo segnalandovi “Food & bloggers“, la community presente su Google+… visitatela e partecipate con il vs blog di cucina… ci sono un sacco di cose buone 🙂

Miaaaaooo da Magò e Mia che aspettano il cupcake al tonno!